“Dignità Napoletana” di Paola Dama

Scrivo perché mi sento mortificata.
Non riesco ad accettare le immagini di una città violentata, non più!
Scrivo perché sento il bisogno di far sentire la mia voce,
la voce flebile di gente perbene che ancora esiste e resiste a tutto lo scempio!
Sono sempre stata la prima ad indignarsi di fronte alla “strafottenza” della gente…
Le continue mortificazioni subite da chi non ha amore per ciò che non sente suo
…la città.
Ogni volta che cammino per strada ed ammiro qualcosa di bello,
lo faccio sempre con dedizione…
perché quella potrebbe essere già l’ultima volta…
hanno distrutto monumenti, palazzi antichi, affreschi…
ad Aversa quanti scempi hanno fatto le amministrazioni!
La Siena del sud, è stata sostituita da un dormitorio elegante…
Cancellano la nostra storia, le nostre origini
Ed allora è facile non sentire di aver bisogno di
manifestare il nostro rispetto verso ciò che ci dovrebbe appartenere e
che invece non sentiamo nostro…
Forse tutto quello che sta succedendo adesso potrebbe, in qualche modo,
far nascere una educazione ambientale che, ahimè, non abbiamo mai avuto,
perché forse, guardando a quella che è stata la nostra storia,
le Istituzioni non hanno mai voluto imporci!
Il sud meraviglioso…il sole, il mare ed i suoi profumi,
sono stati deturpati da menti malate…
Come si può pensare di costruire industrie in posti come ad esempio Bagnoli…
Non possiamo mai tenerci veramente
se poi veniamo derubati delle nostre bellezze!!!
Ed ancora costruiscono, costruiscono, costruiscono…
Tra i paesi del napoletano non c’è più soluzione di continuità…
Le strade sono rotte, malandate…I rattoppi durano un attimo…
Ai margini delle strade carcasse di animali morti…
Oggetti abbandonati…
La maggior parte dei miei amici non ce l’ha fatta…
Non hanno retto a tutto questo…sono andati via…
E quella piccola parte di gente perbene diventa sempre più esigua…
Un giorno credo che andrò via anche io…
Sarà il mio lavoro a portarmi lontano…
Di Napoli porterò forse l’impotenza di non averla potuta salvare…
È proprio l’amore che manca verso la nostra città…
E questo scempio rappresenta la ribellione che essa
ha mosso nei nostri confronti…
Che cosa surreale! Ma è così che mi va di vederla!
Paola Dama

Napoletana DOC

2 total comments on this postSubmit yours
  1. Sono parole molto belle, sicuramente sentite, molto forti. Io penso che il difficile sia rimanere a Napoli e continuare a sopportare quello che ci viene propinato da chi è “ai piani alti”. Penso anche che proprio per quella “Dignità Napoletana” (non a caso le iniziali sono in maiuscolo) è necessario che le persone oneste, le “Napoletane DOC” rimangano in Città, altrimenti si lascia il campo libero a chi non lo è….

  2. Cara Paola, condivido il tuo segno, ma sono altrettanto convinto che le cose della vita sono anche queste…ho spesso usato una metafora per individuare Napoli: un’etichetta di Johnny Walker! In un bar ci sono esposte tante bottiglie di liquori con etichette colorate e precise. Poi arriva Johnny Walker, l’unica storta, perchè così nasce e così muore. Purtroppo o perfortuna la vita è così, non è detto che le cose si possano aggiustare, almeno secondo il pensiero umano. E’ una città che nonostante la buona volontà (di pochi) di migliorare resterà così com’è. Ci sono cose di quotidiana follia che ormai abbiamo imparato a subire, fino a diventare malati di tolleranza, tolleriamo troppe cose e così sarà. Pino Daniele dice in una sua canzone (quando veramente le scriveva): Napul è na carta sporca e nisciun se ne ‘mport e ognuno aspett a ciorta……..purtroppo è così, l’ho vissuto anche sulla mia pelle, nonostante gli sforzi per unire i musicisti mi sono spesso trovato solo nel tentativo di far comprendere che condividere non significa cedere qualcosa ad un altro, ma creare una forza per ottenere risultati concreti. Alla fine mi chiedono solo l’intervista per se stessi e il resto si fotta!!!! Andarsene non credo sia una sconfitta ma una salvezza, e credo che tra un pò proverò a salvarmi anche io……..
    Con stima e d affetto,
    Gennaro

Submit your comment

Please enter your name

Your name is required

Please enter a valid email address

An email address is required

Please enter your message

Hyde Park © 2017 All Rights Reserved

http://www.rivistahydepark.org

Theme by Marco Savarese

Powered by Marco Savarese