“Come Ombre…” di Vincent

Ci sono giorni e fatti
che ti calano sulle spalle una gelida coltre,
al punto da anchilosarti la schiena,
e i pensieri fluttuano come giunchi al vento.
Ti guardi nello specchio,
e le lacrime non scorrono…
sono granuli di ghiaccio che oscillano tremolanti
sui bordi delle palpebre immote e gonfie .
La tristezza è una morsa pungente che ti pervade il petto.
È un ansare. Ti giri e rigiri e l’affanno ti porta a bramare ossigeno
da respirare o da bruciare per dare corpo calore e tono
a membra immote e flosce dallo stupore….
Il tempo passa e con esso il torpore s’avanza sul dolore,
rendendo tiepido e malleabile il cuore e la ragione
che ricamano trame delicate sottili e gentili e tenue,
come ombre sinuose proiettate dal  baluginare di una candela
al davanzale …

Submit your comment

Please enter your name

Your name is required

Please enter a valid email address

An email address is required

Please enter your message

Hyde Park © 2017 All Rights Reserved

http://www.rivistahydepark.org

Theme by Marco Savarese

Powered by Marco Savarese