“Rischio Vesuvio: edizione straordinaria…” di MalKo

Il tema dei costi della politica pare abbia assorbito interamente la seduta del consiglio regionale della Campania del 26 settembre 2012, ed è stata quindi rimandata la discussione sul famoso decreto Taglialatela contenente “Norme in materia di tutela e valorizzazione del paesaggio in Campania”, che, di fatto, avrebbe consentito di rimettere mano al cemento nella zona rossa Vesuvio e in altre aree regionali paesaggisticamente parlando di notevole interesse naturale e culturale.

Al ministro Corrado Passera a leggere certe cose gli è venuta la pelle d’oca:<< è una follia edificare nella zona rossa>>. Pari perplessitàperil ministro dei Beni Culturali Lorenzo Ornaghi, che ha preso le distanze dallo sconcertante piano paesaggistico campano attraverso una nota diffusa dal direttore regionale dei Beni Culturali Gregorio Angelini:<< è improprio affermare che il testo presentato in consiglio regionale sia stato condiviso con il ministero>>.

Per tutti quelli che speravano nell’approvazione di questo piano per rimettere mano alle betoniere con tutti i falsi distinguo che la propaganda sulla sicurezza recita, è stato un colpo durissimo. Il decreto regionale rappresentava il passepartout per ripristinare casali diroccati e ultimare quel cumulo di case congelate allo stato rustico su cui si erano accesi gli interessi degli assopiti palazzinari destati dalle trombe anastasine.

Molti sindaci del vesuviano non sono stati dei semplici spettatori in questa querelle legata al piano paesaggistico, ma dei veri promoter del primo cittadino di Sant’Anastasia Carmine Esposito, che è notoriamente contrario alla zona rossa, alla legge 21 del 2003 contenente disposti d’inedificabilità totale, e al rischio Vesuvio in genere che a suo dire non fa parte dei problemi di tutti i giorni. Almeno il major di Sant’Anastasia non pecca d’ipocrisia…

In una lettera indirizzata all’Espresso, l’assessore regionale all’urbanistica Marcello Taglialatela afferma: << Per quanto concerne la “zona rossa” (ex l.r. n.21/2003), le modifiche proposte non hanno alcuna incidenza sul relativo regime di tutela e non consentiranno alcun aumento di volumetrie. Si tratta, infatti, di norme che limitano gli interventi edilizi agli adeguamenti funzionali sismici e a quelli finalizzati a eliminare il degrado degli immobili mediante interventi di riqualificazione e ristrutturazione edilizia. A ciò si aggiunga che il nuovo testo vieta ogni possibilità di frazionamento, proprio per evitare l’aumento dei carichi abitativi>>.

Per meglio capire i concetti intrinseci a questa lettera che non punta il nocciolo della questione, bisognerebbe chiedere all’assessore Taglialatela in modo netto e diretto: ma le case diroccate, i cosiddetti ruderi, inevitabilmente disabitati perché pericolanti, possono essere ristrutturati e riqualificati e adeguati alle norme antisimiche? Se sì, per quale motivo tanti cittadini dovrebbero spendere non pochi soldi per riqualificare un casolare cadente se non per abitarci, affittarlo o venderlo e rivenderlo? In tal caso la logica non lascia ritenere che il carico abitativo aumenterebbe nella zona rossa ?

Il passo successivo degli speculatori che già rumoreggiano, sarebbe quello di mettere mano (in nome della sicurezza) anche ai manufatti nuovi ma allo stato di pilastri e solai ancorché abusivi e pregni di sigilli. Grazie a qualche opinion leader, infatti, alla fine si arriverà all’ultimatum: o si abbatte o bisogna consentire di tompagnare e impermeabilizzare questi scheletri a tre e a quattro piani…

Dietro a questo piano paesaggistico c’è il tentativo non dimostrato di giungere furbescamente a un condono edilizio che sani tutti gli abusi almeno fino al ’94, senza escludere la possibilità che si condoni fino al 2003 come spera qualche sindaco appartenente alla cordata cementizia.

Non sappiamo come andrà a finire perché i voti fanno gola a destra e a sinistra. Forse le indagini della magistratura sul come sono spesi i soldi della politica nel grattacielo che ospita la regione Campania guidata da Caldoro potrebbero ritardare notevolmente l’approvazione della legge betoniera o viceversa accelerarla .

Ovviamente ci riproveranno con altre iniziative ed escamotage vari chiamando a raccolta il popolo degli imprenditori dell’abuso. Siamo sicuri che non demorderanno: la posta in gioco, credeteci, è molto alta.

La prossima eruzione del Vesuvio, commenta il Prof. Giuseppe Mastrolorenzo, vedrà gli abitanti scappare a piedi come fecero quattromila anni fa i nostri antenati lasciando le proprie orme sulla cenere ancora calda.

Concetto sostanzialmente inattaccabile, ma siamo convinti che oggi, in caso di emergenza, i fuggitivi le orme le lasceranno sulla schiena di quelli che soccomberanno alla massa, e che inevitabilmente saranno calpestati .

In caso di allarme, che sarà sostanzialmente diretto e percepito, le auto si riempiranno all’inverosimile di masserizie e partirà una corsa verso la salvezza che durerà qualche metro e non vedrà vincitori.

I soprusi si conteranno a migliaia, mentre gli elicotteri di tutte le armi gireranno a vuoto sulle cittadine impossibilitati ad atterrare per non essere presi d’assalto dalla folla inferocita. Intanto i media mondiali dal cielo invieranno cronaca e immagini della tragedia, in barba al divieto di sorvolo lanciato dalle autorità che diventeranno schizofreniche e incapaci di prendere decisioni, maledicendo il mondo scientifico che non è in grado di produrre alcuna previsione… Intanto si preparerà il comunicato stampa: <<un’eruzione assolutamente imprevedibile sta interessando il Vesuvio e i cittadini vesuviani in preda al panico hanno fatto saltare tutti gli schemi rendendo vane le procedure previste dal perfetto piano d’emergenza Vesuvio stilato da anni dalle autorità competenti per mettere in sicurezza i vesuviani attraverso rapide vie di fuga verso le regioni gemellate>>.

Nel frattempo i salotti televisivi si affolleranno e i conduttori incominceranno a produrre domande inutili in quello che sarà un vero festival dell’ipocrisia.

Ovviamente gli ultimi diciannove righi sono frutto dell’immaginazione dell’autore senza attinenza con fatti,persone e luoghi reali. XDXDXD

3 total comments on this postSubmit yours
  1. una politica da pazzi .La domanda : ma questa gente che vuole riqualificare i lori immobili nella zona rossa ,ma qualè il problema ? senza aumento di volume , abbattere e ricostruire x farlo antisismico , mettere in sicurezza gli immobili vecchi , dare le concessioni ai condoni 85-93-, e solo pulire il territorio , e far entrare soldi ai comuni e governo . Caro Caldoro, e caro Passera ,se non fate muovere la materia prima ( l’edilizia )qua siamo distrutti .Sapete quante persone vogliono ristrutturare gli immobili condonati del 85 – 93 – e non possono , i comuni fanno mille problemi x dia x scia e quantaltro . Vi supplichiamo fate qualcosa x queste case di condono .

  2. NON CAPISCO COME POSSANO ESISTERE DEI GIORNALISTI DI PARTE, COMUNISTI E IGNORANTI COME QUELLI CHE HANNO SCRITTO QUESTO TIPO DI ARTICOLO!!! E NON CAPISCO PERCHE’ NON SIA POSSIBILE SISTEMARE UNA PROPRIA CASA PERICOLANTE OPPURE NON PERICOLANTE!!! E POI LA ZONA ROSSA E’ UN PO’ IN TUTTA L’ ITALIA PERCHE’ TUTTA L’ ITALIA E’ A RISCHIO SISMICO, IDROGEOLOGICO ECC ECC. FORSE SEMPLICMENTE QUESTE LEGGI SONO SOLTANTO UNO SCATTO EGOISTICO DA PARTE DI CHI LE CASE CE LE HA!!!! OPPURE C’E’ DIETRO COME AL SOLITO IL SISTEMA BANCARIO CHE OBBLIGA A FARSI IL MUTUO PER PAGARE IL MQ ALLE STELLE???? VERGOGNATEVI DI GIUDICARE!!!!!

  3. E’ inconcepibile che ancora si dia credito a questi ministri che guadagnano l’ ira di dio e sono completamente distaccati dalla realtà!!!! NON SI PUO’ PROIBIRE DI COSTRUIRSI UNA CASA NELLA PROPRIETA’ PRIVATA, PERCHE’ CONTRASTA CON I DIRITTI COSTITUZIONALI SANCITI, DIRITTO ALLA CASA E TUTELA DELLA PROPRIETA’ PRIVATA!!! E’ vergognoso insistere su questa materia in tempi di crisi in particolare!!! Quasi tutta la Campania è stata realizzata senza licenza perchè la causa vera è la mancata programmazione dell’ urbe, responsabilità dei comuni e delle leggi dei parlamentari burocrati!!! che la casa ce l’ hanno sempre avuta!!! Ma Vi rendete conto che così facendo distruggete l’ economia e impoverite tutti coloro che hanno bisogno di una casa obbligandoli a pagare affitti onerosi e mutui impossibili!!! aumento di delinquenza e richieste di aiuti finanziari che danneggiamo ulteriormente l’ economia, volete la rivoluzione cari ministri, solo allora quando vi ritroverete il poveretto a cui avete abbattutto la casa davanti al vostro letto col coltello in mano vi renderete conto!!! FORSE!!!!

Submit your comment

Please enter your name

Your name is required

Please enter a valid email address

An email address is required

Please enter your message

Hyde Park © 2017 All Rights Reserved

http://www.rivistahydepark.org

Theme by Marco Savarese

Powered by Marco Savarese